l'Istruzione pubblica in Lombardia diventa regionale... e 53 scuole rischiano la cancellazione!


L'assessore Valentina Aprea ha dichiarato: "Sarà un modo per restituire ai Lombardi quella stima e quella fiducia che mi hanno dimostrato in più occasioni eleggendomi per cinque volte in Parlamento. Porto con me il bagaglio delle mie competenze e dei miei progetti con la volontà di contribuire sempre più ad accrescere la qualità della scuola secondo i principi della sussidiarietà e della libertà di scelta".



******


MILANO - (Paolo Latella) -E' arrivato il momento di scatenare la guerra in Lombardia in difesa della scuola pubblica! E' inaccettabile che il centro sinistra non si renda conto della pericolosità di questa nomina e del progetto Aprea - Formigoni! Il Governatore della Lombardia ha preparato un pericoloso emendamento regionale che consentirà ai dirigenti degli istituti professionali di nominare direttamente i docenti.
Proprio su uno dei capisaldi costituzionali, quello del Sistema Nazionale dell’istruzione, Formigoni intende consumare un pesantissimo e inaccettabile strappo istituzionale.
La proposta che a partire dall’anno scolastico 2012/2013, le istituzioni scolastiche statali possono organizzare concorsi differenziati a seconda del ciclo di studi, al fine di reclutare personale docente necessario a svolgere le attività didattiche annuali è inaccettabile.
Ecco lo stralcio dell’emendamento lombardo:
PROGETTO DI LEGGE
“MISURE PER LA CRESCITA, LO SVILUPPO E L’OCCUPAZIONE”
TITOLO I
Misure per il sostegno del capitale umano

CAPO II
Modifiche alla legge regionale 6 agosto 2007, n. 19 (Norme sul sistema educativo di istruzione e formazione della Regione Lombardia)

Art. 4
(Modifica dell’art. 12 della l.r. 19/2007 – Raccordi tra percorsi degli istituti professionali e percorsi di istruzione e formazione professionale)

1. Alla legge regionale 6 agosto 2007, n. 19 (Norme sul sistema educativo di istruzione e formazione della Regione Lombardia) è apportata la seguente modifica:
a) dopo il comma 1 dell’articolo 12 è aggiunto il seguente:
“1 bis. Gli istituti professionali statali possono offrire percorsi di istruzione e formazione professionale che consentono il conseguimento della qualifica e del diploma professionale rispettivamente al terzo e al quarto anno.”

Nota esplicativa  (fonte Flc Cgil)
La disposizione tende a prevedere un ruolo degli istituti professionali anche in relazione ai percorsi di istruzione e formazione professionale.

Art. 5
 (Modifica della l.r. 19/2007 - Reclutamento del personale docente da parte delle istituzioni scolastiche)

1. Alla legge regionale 6 agosto 2007, n. 19 (Norme sul sistema educativo di istruzione e formazione della Regione Lombardia) è apportata la seguente modifica:
a) dopo il comma 2 dell’articolo 3 sono aggiunti i seguenti commi:
“2 bis A partire dall’anno scolastico 2012/2013, le istituzioni scolastiche statali possono organizzare concorsi differenziati a seconda del ciclo di studi, al fine di reclutare personale docente necessario a svolgere le attività didattiche annuali.
2 ter E’ ammesso a partecipare alla selezione il personale docente del comparto scuola che conosca e condivida il progetto e il patto per lo sviluppo professionale, che costituiscono parte integrante del bando di concorso di ciascun istituto scolastico.
2 quater  Le modalità di espletamento del bando di concorso sono definite, nel rispetto dei principi di imparzialità, trasparenza e pubblicità, con deliberazione della Giunta regionale”.

Nota esplicativa (fonte Flc Cgil)
La proposta consente alle scuole statali di reclutare il personale docente con un concorso di istituto che realizza l’incrocio diretto fra domanda e offerta. Si tratta di una forma di valorizzazione dell’autonomia scolastica legata al progetto didattico di ciascun istituto. 


Quello che avete letto è una procedura pericolosa, illegale ed anticostituzionale perchè non verranno utilizzate le normali graduatorie! Ancora una volta verranno penalizzati tutti gli insegnanti della scuola pubblica, di ruolo, inseriti nelle Graduatorie ad esaurimento e di terza fascia. Gli ITP nei professionali non esisteranno più. Non esiste menzione sui docenti di laboratorio.
Ancor più grave che quasi tutti gli schieramenti politici in Regione Lombarda siano d'accordo con la nuova Legge Regionale.

Un'ultima cosa ma non meno  importante, in merito al dimensionamento scolastico in Lombardia, la situazione è drammatica. Formigoni vuole quasi sicuramente deliberare mercoledì 15 febbraio  2012 cancellando tantissimi istituti.
Ecco i possibili tagli (fonte Flc-Cgil): Bergamo 3, Brescia 3, Como 1, Cremona 0, Lecco 1, Lodi 0, Mantova 1, Milano 31, Monza Brianza 2, Pavia 3, Sondrio 5, Varese 3, Totale appunto -53 istituti in Lombardia! Pazzesco!
Chiedo ai colleghi insegnanti e personale Ata, alle forze politiche, alle famiglie, agli alunni, a tutto l'indotto aziendale se non sia il caso di definire una grande mobilitazione in difesa della scuola pubblica in Lombardia!


Paolo Latella
Responsabile Dipartimento Istruzione
Italia dei Valori Lombardia


Segretario Unicobas Scuola Lombardia
cell. 3386389450

Commenti